Tag archive

Land Grabbing

Copia di selva-quemada

Shampoo, cioccolata e deforestazione in Perù

Il 19 maggio siamo scesi per le strade di Iquitos per manifestare. Al grido di «los bosques no se venden, los bosques se defienden» in piazza sono arrivate qualche centinaia di persone, soprattutto giovani, universitari, scout, ma anche comitati (come il Comité de Agua, uno dei promotori della manifestazione), cittadini comuni e molti agricoltori di Tamshiyacu, un piccolo paesino a mezz’ora di barca da Iquitos il cui nome negli ultimi anni è stato associato soprattutto alla lotta contro la…

landgrabbing

Investimenti globali e conflitti locali. Call for contributions

Incalzati dalle recenti crisi energetiche e finanziarie, governi, multinazionali e protagonisti della finanza internazionale hanno rinnovato il loro interesse per lo sfruttamento della terra e delle sue risorse attraverso l’aumento di investimenti economici su larga scala. Se da una prospettiva neoliberista questi investimenti rappresentano un adeguato veicolo di sviluppo per le zone più povere del pianeta, le posizioni più critiche vedono in questa nuova “corsa alla terra” una vera e propria spartizione neocolonialista delle risorse,…

Aguas de Oro. Una donna contro la miniera

Per arrivare da lei è necessario un permesso di transito, dichiarare il numero del passaporto, la targa del proprio veicolo e mostrare motivazioni convincenti. Si è obbligati a passare per un check-point che ostruisce l’unica strada adatta ai mezzi a quattro ruote. Lì alcuni funzionari di un’impresa privata controllano i documenti con l’autorità che si addice a uno Stato più che a un’azienda. E non è sufficiente. È una telefonata che arriva dai piani alti…

Il Carrefour di Colonat. Di Maura Benegiamo

Land grabbing italiano in Senegal: sviluppi di un conflitto occultato

Durante l’ultimo anno WOTS ha collaborato alla stesura di un nuovo rapporto di ricerca sul caso di land grabbing dell’impresa Senhuile: “Senegal: Come si accaparra la terra” (scarica qui il PDF). Il rapporto è stato scritto da ricercatori, giornalisti e attivisti italiani e successivamente pubblicato dai seguenti gruppi italiani, senegalesi e internazionali che da anni lavorano assieme per dimostrare che il progetto Senhuile è dannoso e illegittimo: Re:Common, in collaborazione con il Collectif pour la Défense du…

Our Land Our Business Poster 2

La società civile denuncia la Banca Mondiale su terra e povertà

Organizzazioni contadine, gruppi indigeni, unioni sindacali ed altre organizzazioni della società civile, sotto raggruppate nella campagna Our Land, Our Business, richiamano l’attenzione sull’ipocrisia della conferenza annuale della Banca Mondiale su Terra e Povertà. Ogni primavera negli ultimi quindici anni la Banca Mondiale ha organizzato la “Conferenza sulla Terra e la povertà” che mette insieme gruppi di corporazioni, governi e società civile. Lo scopo ufficiale è quello di “migliorare la governance sulla gestione fondiaria”. Mentre la 16°…

DCF 1.0

Biocarburanti: cosa c’è davvero nel serbatoio?

Proprio l’altro giorno a Strasburgo il Parlamento Europeo ha discusso sulla proposta della Commissione di rivedere le percentuali previste nelle due direttive sui biocarburanti; la proposta era di passare da un 10% di carburanti generati da fonti rinnovabili , generalmente biocarburanti, ad un 5% che permettesse quindi di dare più respiro ad un settore agricolo ormai completamente sballato dalla domanda sempre crescente di colza, soia e olio da palma. Dato interessante per una analisi approfondita…

Land Grabbing: dalla teoria ai campi africani

Land grabbing, large scale land acquisitions, land deals e agricultural investments: queste sono le varie definizioni utilizzate per descrivere il fenomeno che questo ciclo di post andrà a prendere in esame. Cosa ci permette di distinguere tra l’una e l’altra definizione? Da dove ha origine l’esigenza di utilizzare questa serie di termini? E’ la necessità di distinguere e ri-contestualizzare il fenomeno rispetto ai suoi precedenti storici o è il tentativo di creare una dialettica nuova che cerchi…

maxresdefault

La terra, il popolo e la profezia di Cavallo Pazzo

 Il 1986 è l’anno in cui l’umanità raggiunse la capacità di sostentamento della terra e da allora stiamo gestendo l’equivalente ambientale di un bilancio in deficit, che può essere sostenuto solamente depauperando il nostro capitale base. L’aumento della popolazione e dei consumi stanno mettendo sotto pressione, dal punto di vista della domanda,  l’agricoltura e le risorse naturali. Oggi, circa un miliardo di persone sono cronicamente malnutrite mentre i nostri sistemi agricoli stanno contemporaneamente degradando la  terra,…

/nas/content/live/swergroup/wp content/blogs.dir/17/files/2013/01/Mali   mosque in Djenné

Il Mali e l’acqua: un’analisi del terreno umano

Incontro Alberto Salza a Palazzo Nuovo, sede dell’Università di lettere di Torino. Ho scelto lui che ama definirsi “un analista del terreno umano” per fare il punto sul Mali. Ho scelto lui perché ha viaggiato l’Africa a piedi in lungo e in largo e sa di cosa sta parlando. Gli parlo dell’articolo che sto scrivendo e stabiliamo in breve che fare un’analisi politica completa è complesso al punto da essere fuorviante, correndo il rischio di tralasciare aspetti…

potou e lavoratori5

Why poverty? Una domanda, un progetto, 8 documentari

Perché la povertà? È questa la domanda da cui tutti noi dovremmo iniziare a concentrarci per poter iniziare una seria discussione sui temi dello sviluppo, del progresso, dei diritti e di economia. È su questa domanda che si basa il progetto Why Poverty? che è stato lanciato da Rai Storia in contemporanea con le televisioni di tutto il mondo per sensibilizzare i suoi telespettatori sul tema della povertà. Why Poverty? è un progetto cross-mediale internazionale,…

Petrini, tra neocolonialismo e fiducia nel futuro…

Durante la cerimonia di apertura del salone di Terra Madre 2012 prende la parola Carlo Petrini, presidente di Slow Food, per salutare la platea ed i delegati istituzionali e delle varie organizzazioni che ogni 2 anni si ritrovano presso gli spazi del Lingotto per discutere di filiera alimentare e vogliono difendere l’agricoltura, la pesca e l’allevamento sostenibili, con particolare attenzione alla preservazione del gusto e della biodiversità del cibo. Inizia quindi un discorso molto duro, sotto…

Investimenti diretti sulla terra in Africa subsahariana …ombre e luci

Seminario organizzato dal prof. Egidio Dansero (Università degli Studi di Torino) e ospitato dal Centro Studi Africani di Torino il 1 Giugno 2012. WOTS? ha offerto la copertura mediatica. Sul nostro canale You Tube é possibile trovare tutti gli interventi e le presentazioni realizzate. Sono intervenuti: Germana Chiusano: presentazione del libro ‘Ori d’Africa: terra, acqua, risorse minerarie ed energetiche’, a cura di G. Chiusano e E. Dansero Awa Yade e Davide Cirillo: Corsa alla terra: chi gareggia, vince e perde…

Torna SU