Category archive

Africa - page 2

“Oro tossico”, il lavoro minorile in Tanzania

Rahim ha 13 anni, vive in un villaggio situato nel distretto di Chunya, nel sud della Tanzania. Da due anni ormai lavora in una delle numerose miniere d’oro su piccola scala presenti nel distretto. È con la sua esperienza che esordisce il rapporto di Human Rights Watch “Toxic Toil”, che alla fine del mese di agosto ha dedicato 96 pagine a questa silenziosa violazione dei diritti dei minori in Tanzania. Secondo la nota organizzazione americana…

Ndafise Ikibanza, la radio dà voce ai giovani burundesi

“Ndafise Ikibanza” in Kirundi, insieme al francese la lingua maggiormente diffusa in Burundi, significa “Ho un posto”. Letteralmente potrebbe non avere un particolare significato, tuttavia soffermandosi a riflettere sull’impatto che queste due semplici parole possono avere in un contesto in cui è così difficile affermare la propria personalità o condividere le proprie difficoltà, “avere un posto” assume un valore inestimabile. Considerando il tema dell’informazione e della sua conseguente diffusione, La radio, in Burundi come in molti…

Land Grabbing: dalla teoria ai campi africani

Land grabbing, large scale land acquisitions, land deals e agricultural investments: queste sono le varie definizioni utilizzate per descrivere il fenomeno che questo ciclo di post andrà a prendere in esame. Cosa ci permette di distinguere tra l’una e l’altra definizione? Da dove ha origine l’esigenza di utilizzare questa serie di termini? E’ la necessità di distinguere e ri-contestualizzare il fenomeno rispetto ai suoi precedenti storici o è il tentativo di creare una dialettica nuova che cerchi…

Una crowdmap per prevenire le violenze post-elettorali in Kenya

Raccolgono le segnalazioni dei reporter e convogliano i dati in una mappa virtuale online visibile a tutti. E’ così che i membri di un’ ong locale che opera nei tre slums più grandi e problematici del Kenya, hanno deciso di dare il loro contributo per prevenire le violenze ed i disordini post-elettorali in queste aree. Kepha Ngito, presidente della ong, è nato e cresciuto a Kibera e ha dedicato la sua vita  a  migliorare le condizioni…

I bambini invisibili: i Talibè e la lotta della società civile

Sin dalla prima volta che mi recai in Senegal nel 2005, mi innamorai di questo paese e dell’ospitalità sua gente. Tuttavia rimasi negativamente impressionato dalla moltitudine di bambini che affollano le strade di città e villaggi in situazione di mendicità. A volte la vita da ricercatore che conduco lontano dal mio paese mi fa provare un sentimento di solitudine. E’ alla lontananza dagli affetti e dagli amici che devo questo stato d’animo. Ogni giorno però i…

Le elezioni in Kenya: pacifismo, passato e la voglia di non sentirsi giudicati

Il 9 marzo Odinga convoca una drammatica conferenza stampa nella quale dichiara che nel governo kenyota è in atto una congiura per destituirlo. Quattro giorni dopo Odinga viene deposto dalla carica di vicepresidente del partito al governo, il KANU. Un mese dopo Odinga convoca una nuova conferenza stampa in cui dichiara di uscire dal KANU e di rinunciare alla vicepresidenza del Kenya. Nel corso della conferenza, a proposito del governo di Kenyatta, Odinga dice: E’…

Genocide Memorial Week: in Ruanda inizia una settimana di commemorazione

Alla mezzanotte di ieri Kigali è piombata nel silenzio, il volume di televisioni e radio è stato considerevolmente ridotto e molti luoghi di intrattenimento hanno abbassato le saracinesche. Questo silenzio commemorativo ricorre ormai da molti anni e si protrae per una settimana ai fini di rievocare il dolore e le vittime del genocidio perpetrato in Ruanda nel 1994.  Nell’arco di 100 giorni più di un milione di persone sono state assassinate per motivi etnici, prevalentemente…

La consegna di “Terminator” Ntaganda al Tribunale dell’Aia e il ruolo giocato dal Ruanda

Un sorriso radioso ed un debole per i cappelli da cowboy, ma un soprannome che ricorda la sua vera natura: “Terminator”. Bosco Ntaganda è tornato sotto i riflettori di tutti i media internazionali quando lunedì 18 marzo ha varcato l’ingresso dell’ambasciata americana a Kigali (Ruanda) richiedendo ai diplomatici americani di essere consegnato alla Corte Penale Internazionale (CPI), istituzione che nel 2006 ha emesso un mandato di arresto nei suoi confronti. La CPI è il primo…

Il Mali e l’acqua: un’analisi del terreno umano

Incontro Alberto Salza a Palazzo Nuovo, sede dell’Università di lettere di Torino. Ho scelto lui che ama definirsi “un analista del terreno umano” per fare il punto sul Mali. Ho scelto lui perché ha viaggiato l’Africa a piedi in lungo e in largo e sa di cosa sta parlando. Gli parlo dell’articolo che sto scrivendo e stabiliamo in breve che fare un’analisi politica completa è complesso al punto da essere fuorviante, correndo il rischio di tralasciare aspetti…

Why poverty? Una domanda, un progetto, 8 documentari

Perché la povertà? È questa la domanda da cui tutti noi dovremmo iniziare a concentrarci per poter iniziare una seria discussione sui temi dello sviluppo, del progresso, dei diritti e di economia. È su questa domanda che si basa il progetto Why Poverty? che è stato lanciato da Rai Storia in contemporanea con le televisioni di tutto il mondo per sensibilizzare i suoi telespettatori sul tema della povertà. Why Poverty? è un progetto cross-mediale internazionale,…

Ruanda: un’analisi delle politiche abitative nella città di Kigali

Il Ruanda è conosciuto da tutti come “il paese delle mille colline”  e risulta difficile contraddire chi ha attribuito tale pseudonimo a questo piccolo stato, ricco di splendidi paesaggi e reduce da un passato tormentato. Chi visita per la prima volta Kigali non può che rimanere stupito dalle verdi colline che circondano tutta la città; tuttavia un  turista dall’occhio attento potrebbe chiedersi come mai la densità degli insediamenti urbani che caratterizza la maggior parte delle…

Enjoy Poverty. La povertà è una risorsa?

Episode III, anche conosciuto come Enjoy Poverty, è un documentario di Renzo Martens, un giovane artista olandese. Martens sceglie come ambientazione per il suo documentario la Repubblica Democratica del Congo, un paese ricco, tanto di risorse  quanto di contraddizioni. Sono proprio queste contraddizioni, comuni a molti altri paesi africani, che spingono il giovane film-maker ad iniziare il suo viaggio all’interno del paese, munito di una piccola telecamera amatoriale e di due grandi bauli, il contenuto dei…

Torna SU