Category archive

Africa

Africa/Genere/Reportage

Tunisia: donne, taxi e rivoluzione

«Se fossi davvero una prostituta starei a casa durante il giorno e lavorerei la sera, e non come tassista. Quando qualcuno insulta qualcun altro in realtà sta parlando di se stesso… si, mi dicono pute, ma io mi ripeto che la puttana non sono io: è lui, sua mamma, sua sorella». Così mi racconta Amel quando salgo sul suo taxi. Quarant’anni, di cui venticinque come tassista a Tunisi. «Prima della rivoluzione non era così, perché…

Africa/Genere/Reportage

Lotto Marzo. La vittima ha sempre torto

Camminavo per le strade di Tunisi, au centre ville. Ma potevo essere a Torino, a Dakar, a Phonm Penh o a Londra, e forse non sarebbe cambiato nulla. Dopo aver aspettato per ore un taxi, trovarne uno nelle ore serali a Tunisi è molto difficile che manco Carrie Bradshaw per l’ultimo vernissage a Manhattan. Così, mentre aspettavo ho cominciato a camminare. Un tipo, in apparenza normalissimo, mi si è appiccicato addosso sempre di più. Appena…

Africa/Frontiere/Interviste

Monte Gourougou: il purgatorio al di là della rete

A Melilla, enclave spagnola in territorio marocchino, la linea dell’orizzonte è segata da una tripla rete metallica. Una misura di sicurezza, la chiamano gli entusiasti delle politiche di controllo migratorio europeo; un “cattivo esempio” che anche gli altri Paesi vorrebbero seguire, quotidianamente impegnati a contrastare gli assidui flussi di gente diretta verso “terra sicura”. I tentativi di superare questo imponente muro di proibizione sono all’ordine del giorno. I pochi fortunati che ci riescono, se presi…

Africa/Articoli/Frontiere

Becky è morta

«Riposa in pace, Becky. Sarai sempre nel mio cuore», diceva una pagina Facebook un paio di mesi fa. Mi capita spesso di ricevere messaggi, SMS e chiamate da parte delle donne migranti che ho intervistato come antropologa durante la mia ricerca sulla migrazione e sul traffico di esseri umani dalla Nigeria e dalla Thailandia verso l’Europa. Ricevo un po’ di tutto da loro: dagli itinerari di viaggio alle domande sulle rotte migliori per raggiungere l’Europa,…

Africa/Conflitti

Ritratti della Memoria. Esilio e memoria del popolo Saharawi

Si può descrivere la vita di una bambina che, nata in un campo di rifugiati, sta per diventare donna? Suo padre ci è riuscito. Così come qualcuno è riuscito a far crescere dei pomodori nella terra arida o a costruirsi una casa, sperando di abbandonarla al più presto. Deserto del Sahara, sud-ovest dell’Algeria, uno dei luoghi più ostili della terra. Da quarant’anni centomila persone aspettano di fare ritorno nella loro terra, il Sahara Occidentale, l’ultima…

Africa/Ambiente/Articoli

Land grabbing italiano in Senegal: sviluppi di un conflitto occultato

Durante l’ultimo anno WOTS ha collaborato alla stesura di un nuovo rapporto di ricerca sul caso di land grabbing dell’impresa Senhuile: “Senegal: Come si accaparra la terra” (scarica qui il PDF). Il rapporto è stato scritto da ricercatori, giornalisti e attivisti italiani e successivamente pubblicato dai seguenti gruppi italiani, senegalesi e internazionali che da anni lavorano assieme per dimostrare che il progetto Senhuile è dannoso e illegittimo: Re:Common, in collaborazione con il Collectif pour la Défense du…

Africa/Governi/Reportage

Uno sguardo sull’Africa. La società civile perduta

Il piccolo mondo di Lodwar, nel nord del Kenya, rischia di essere scosso alle fondamenta dalla scoperta del petrolio in Turkana. Consolidata è invece la presenza sul territorio di quelle che sembrano milioni di ONG e agenzie per lo sviluppo di ogni sorta. Lodwar, nel suo piccolo, è costellata di indicazioni che portano qua all’IOM, laggiù a Save the Children, a destra al World Food Programme e a sinistra all’International Rescue Committe. Da ormai più di…

Africa/Ambiente/Reportage

Kenya: la scoperta del petrolio e i sogni di gloria

Lodwar è il più grande centro del Turkana, regione che si appoggia ad est sull’omonimo e bellissimo lago, tagliata da una Rift Valley ancora poco profonda, nel nord del Kenya. La regione del Turkana, solitamente considerata dagli abitanti di Nairobi come il posto più remoto e sfortunato dell’universo, è un mondo di terre semiaride e polvere, pastori, capre e cammelli. Fanno eccezione pochi centri urbani. Lokichokio, raccontata da Le Carré ne “Il giardiniere tenace”, sede di molte…

Africa/Articoli/Governi

Se l’Africa si salva da sola

Il sistema economico africano viene considerato il più delle volte come una struttura prevalentemente di tipo ricevente piuttosto che una di tipo produttivo. Inoltre il suo ruolo finanziario nel processo di crescita del continente viene normalmente sottostimato. Il sistema del cosiddetto “aiuto allo sviluppo” e più in generale degli aiuti finanziari provenienti dall’estero  ricopre tuttora un ruolo fondamentale nel sostenere e stimolare processi di sviluppo economico, generando ricadute positive su settori fondamentali come educazione, agricoltura, sanità…

Africa/Articoli/Salute

Uganda e HIV, un dibattito aperto tra stigma e discriminazione

Rosemary Namubiru, 64 anni, è un’infermiera di nazionalità ugandese, impiegata da quattro anni presso il Victoria Medical Center di Kampala (Uganda). Il 19 maggio di quest’anno il tribunale di Buganda Road a Kampala ha condannato Rosemary a tre anni di detenzione dopo averla ritenuta colpevole di negligenza nello svolgimento della sua funzione: secondo la corte ugandese l’infermiera, sieropositiva e già sotto trattamento antiretrovirale, avrebbe esposto un bambino al virus dell’HIV commettendo un errore in fase di…

Africa/Cittadinanze/Reportage

La cartografia partecipativa. Una sua applicazione nella regione dello Zinave

Lo Zinave lo ricordo ancora come l’ho descritto in una lettera inviata a qualche amico durante il mio soggiorno in Mozambico: una pista polverosa come cenere grigia, gialla o rossa, con la quale danzare e lottare sulla sella di una Honda 125. Ricordo il fiume Save, il suo letto asciutto, largo mezzo chilometro, il suo scorrere lento, tra le mie caviglie quando l’ho attraversato, e giù in gola, quando, finite le scorte d’acqua, l’ho bevuto…

Africa/Articoli/Governi

What’s up in Gambella?

La provincia di Gambella è uno dei distretti più ricchi di risorse naturali di tutta l’Etiopia. La vegetazione rigogliosa, gli immensi spazi blu e le strade color ocra occupano la vista. Nuer e Anuak sono i due maggiori gruppi etnici della provincia e racchiudono al loro interno quasi la metà della popolazione. I membri appartenenti a queste due etnie, seppur privi di contratti che ne ufficializzino la proprietà, vivono su queste terre da numerose generazioni. Le…

Torna SU