18 Dicembre: Giornata Internazionale dei Migranti

in Articoli/Europa/Frontiere di

Oggi, 18 dicembre celebriamo la giornata internazionale dei migranti. ll contributo di WOTS? alla Global Migrant Action  vuole essere la prima di una serie di azioni atte a sensibilizzare e commemorare la data del 4 Febbraio 2011. In quel giorno, venne stipulata la Carta Mondiale dei Migranti, approvata a Gorée (Senegal) durante il World Social Forum. Questo è il testo integrale in italiano: pagina 1 e pagina 2

Riteniamo, quale che che sia la data, che sia sempre il momento di ricordare tutte le persone che quotidianamente viaggiano o hanno perso la vita viaggiando sul nostro pianeta alla ricerca di una vita degna, di un nuovo destino o semplicemente mossi dal desiderio di conoscere il mondo. Milioni sono le storie che si intrecciano, oltrepassando in ogni momento i confini, linee immaginarie simbolo di un’organizzazione politica che non rispecchia a pieno la diversità culturale e il desiderio e bisogno di libertà di movimento che sono un elemento fondamentale delle società odierne. Benchè immaginarie, queste linee hanno un enorme impatto sulle vite di tutti coloro che desiderano spostarsi sul nostro pianeta. La nostra azione di sensibilizzazione è riportata nel volantino che trovate qui, mentre qui trovate una lista delle attività di oggi.

Tags:

Joint PhD Student Human Geography (University of Padova); Social & Cultural Anthropology (Vrije Universiteit Amsterdam). Master of Art in International Relations (University of Torino). Membro del Centro Interdipartimentale di Studi sull’Africa Occidentale (CISAO). Si occupa di sviluppo locale e sistemi agroalimentari con particolare attenzione alla pianificazione e valorizzazione dei territori rurali e gestione delle risorse. Le sue aree geografiche di interesse primario sono l'Africa Saheliana e la Cina con particolare attenzione a temi quali l’accaparramento di terre e i flussi migratori ed economici tra Cina e Africa.

Articoli

Orbán contro tutti

Soddisfazione. È questa la parola più inquietante pronunciata dal primo ministro ungherese
Torna SU