Enjoy Poverty. La povertà è una risorsa?

di

Episode III, anche conosciuto come Enjoy Poverty, è un documentario di Renzo Martens, un giovane artista olandese. Martens sceglie come ambientazione per il suo documentario la Repubblica Democratica del Congo, un paese ricco, tanto di risorse  quanto di contraddizioni. Sono proprio queste contraddizioni, comuni a molti altri paesi africani, che spingono il giovane film-maker ad iniziare il suo viaggio all’interno del paese, munito di una piccola telecamera amatoriale e di due grandi bauli, il contenuto dei quali verrà svelato solo a documentario inoltrato.

Martens indossa il cartellino della stampa fornitogli dalla Monusco, il contingente di peacekeeping delle Nazioni Unite di stanza in RDC, che gli concederà, nel corso del documentario, la libertà di accesso ai campi profughi dell’UNHCR (l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati), alle basi Monusco e alle riunioni organizzate dalle varie agenzie Onu.  Chi per la prima volta prenderà visione del documentario, verrà sicuramente colpito dalla metodologia e dall’approccio utilizzati : il documentarista stabilisce con la popolazione locale un rapporto alla pari e analizza con estrema freddezza la questione della povertà.

La povertà è una risorsa?

L’analisi che porta Martens a definirla tale è molto chiara : dal momento che le organizzazioni  non governative, i fotografi e tutta la struttura che promuove o documenta le emergenze umanitarie (e più in generale il sistema dell’aiuto allo sviluppo),  si avvale dei benefici  della povertà, sia sul piano lavorativo sia economico, perché non dovrebbero approfittarne gli stessi poveri ?

La risposta che fornisce Martens è “Enjoy Poverty”, ovvero uno slogan per invitare le popolazioni locali, che da troppo tempo sopportano il peso dello sfruttamento economico, a considerare la povertà, non una condizione che possa subire dei miglioramenti radicali, ma piuttosto un’opportunità di guadagno e di crescita.

Laurea di primo grado in Relazioni Internazionali e Laureando in Sviluppo, Ambiente e Cooperazione presso la facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Torino. Pluriennale esperienza sul campo nel settore dell’aiuto allo sviluppo, in particolare nell’ Africa Sub-Sahariana e nei paesi membri dell’East African Community ed editore dell’area “Eastern Africa” di GLOBI – Osservatorio Globale sull’Inclusione. Attualmente è basato a Juba, in Sud Sudan, dove supervisiona il reparto approvvigionamenti di un’organizzazione non governativa che opera in ambito sanitario.

Diritti e cittadinanze

Torna SU